64.16°E

Il progetto illustra lo spostamento dell’asse terrestre causato dalla ridistribuzione delle acque sotterranee. Le Sorelle (collettivo composto da Alessia D’Epiro e Martina Riescher) utilizzano il paesaggio come scenografia per un’installazione artistica in cui il contorno di una goccia d’acqua fatta di sassi è un gesto simbolico per ristabilire un equilibrio che viene ingiustamente distrutto giorno dopo giorno dalla nostra avidità, indifferenza e disattenzione.

L’obiettivo è che tutti coloro che passano contribuiscano
all’installazione, aggiungendo pietre rendendo la goccia sempre più grande fino a renderla abbastanza pesante da compensare lo squilibrio che abbiamo creato nell’antropocene. Poiché l’installazione si trova esattamente dal lato opposto rispetto allo spostamento dell’asse terrestre, ogni persona che aggiunge una pietra aiuta a ristabilire l’equilibrio.

Si tratta di un progetto a lungo termine che mira a sensibilizzare verso uno stile di vita più sostenibile.

Il Manifesto

Sono parte di un gruppo internazionale di ricercatori, unitə dalla diversità delle nostre visioni, ma animatə da un unico scopo: raccontare storie che riflettano la complessità emotiva, sociale e ambientale del nostro mondo.
La mia struttura lavorativa è orizzontale, dove partecipo attivamente al processo decisionale condividendo il futuro delle mie creazioni. Preferisco le interazioni strette e le collaborazioni costruttive, condividendo idee e obiettivi, puntando alla realizzazione di progetti sia individuali che collettivi.
Le mie radici professionali si estendono in diverse parti del mondo, dall'Italia ad un'attenzione globale.
Collaboro regolarmente con un'ampia varietà di enti, da riviste e giornali a case editrici, da società di media a organizzazioni pubbliche e aziende.
Credo fortemente nel potere dello storytelling visivo e sono attivamente coinvolta in programmi di arte partecipata nelle comunità, curando workshop, mentorship e collaborazioni con istituti scolastici pubblici e privati.
Le mie attività attuali spaziano tra progetti a lungo termine, ricerca e residenze artistiche.

64.16°E

Il progetto illustra lo spostamento dell’asse terrestre causato dalla ridistribuzione delle acque sotterranee. Le Sorelle (collettivo composto da Alessia D’Epiro e Martina Riescher) utilizzano il paesaggio come scenografia per un’installazione artistica in cui il contorno di una goccia d’acqua fatta di sassi è un gesto simbolico per ristabilire un equilibrio che viene ingiustamente distrutto giorno dopo giorno dalla nostra avidità, indifferenza e disattenzione.

L’obiettivo è che tutti coloro che passano contribuiscano
all’installazione, aggiungendo pietre rendendo la goccia sempre più grande fino a renderla abbastanza pesante da compensare lo squilibrio che abbiamo creato nell’antropocene. Poiché l’installazione si trova esattamente dal lato opposto rispetto allo spostamento dell’asse terrestre, ogni persona che aggiunge una pietra aiuta a ristabilire l’equilibrio.

Si tratta di un progetto a lungo termine che mira a sensibilizzare verso uno stile di vita più sostenibile.

IL MANIFESTO

Sono parte di un gruppo internazionale di ricercatori, unitə dalla diversità delle nostre visioni, ma animatə da un unico scopo: raccontare storie che riflettano la complessità emotiva, sociale e ambientale del nostro mondo.
La mia struttura lavorativa è orizzontale, dove partecipo attivamente al processo decisionale condividendo il futuro delle mie creazioni. Preferisco le interazioni strette e le collaborazioni costruttive, condividendo idee e obiettivi, puntando alla realizzazione di progetti sia individuali che collettivi.
Le mie radici professionali si estendono in diverse parti del mondo, dall'Italia ad un'attenzione globale.
Collaboro regolarmente con un'ampia varietà di enti, da riviste e giornali a case editrici, da società di media a organizzazioni pubbliche e aziende.
Credo fortemente nel potere dello storytelling visivo e sono attivamente coinvolta in programmi di arte partecipata nelle comunità, curando workshop, mentorship e collaborazioni con istituti scolastici pubblici e privati.
Le mie attività attuali spaziano tra progetti a lungo termine, ricerca e residenze artistiche.